Cerca
Close this search box.

Cerca

Iperidrosi: Cause, sintomi e rimedi della sudorazione eccessiva

Condividi questo post sui tuoi canali social
Facebook
WhatsApp

Cos’è l’iperidrosi: i sintomi e le cause

L'iperidrosi è la sudorazione eccessiva rispetto a quella richiesta per la normale regolazione della temperatura corporea. Questo tipo di disturbo può comparire in maniera generalizzata (su tutto il corpo) o circoscritta (mani, piede, ascelle, viso, ecc.) e può essere causato da fattori ambientali o emozionali.

In generale possono esserci molte altre cause, anche se meno frequenti, come ad esempio alcune malattie (ipertiroidismo), alcuni alimenti (peperoncino), alcuni farmaci (antidepressivi), ecc. Di norma un corpo può arrivare a produrre circa mezzo litro di sudore al giorno, nei mesi estivi, in alcune particolari condizioni possiamo raggiungere addirittura i 2 litri l’ora.

Spesso, l’iperidrosi crea imbarazzo nei rapporti quotidiani e può alterare negativamente la qualità della vita; a volte può associarsi a bromidrosi (odore sgradevole) e provocare un certo stress emotivo. Il medico può dare suggerimenti utili a modificare in parte lo stile di vita: tuttavia, spesso è necessario ricorrere all'uso di terapie vere e proprie.

Se tutti i trattamenti e gli accorgimenti non producono nessun risultato l’ultima possibilità è rappresentata dalla soluzione chirurgica. L’intervento è eseguito in anestesia locale e vengono rimosse le ghiandole sudoripare, in alternativa si agisce sull’innervazione simpatica.

I tipi di iperidrosi: una classificazione

Iperidrosi primaria

Ovvero, l’iperidrosi che si verifica in una persona altrimenti sana. L'iperidrosi primaria è un disturbo comune: colpisce circa il 3% della popolazione, ma il dato è probabilmente sottostimato. Insorge di solito nell'età dell'infanzia o nell'adolescenza e spesso interessa distretti corporei quali palmi delle mani, piante dei piedi ed ascelle.

Iperidrosi secondaria

È l’iperidrosi dovuta a un problema sottostante, all'uso di farmaci o ad altre cause evidenti.

I rimedi per trattare l’iperidrosi: comincia dalle cose semplici!

Se l’anamnesi ha escluso delle cause sottostanti di tipo medico, ci sono alcuni rimedi per trattare l’iperidrosi: eccoli.

Deodoranti e creme

Esistono dei prodotti capaci di limitare gli effetti della sudorazione e sono acquistabili in farmacia senza alcuna ricetta. Il problema con questa soluzione è che è momentanea e, a volte, può provocare reazioni topiche come arrossamenti e prurito.

Abbigliamento

Ci sono diversi accorgimenti da tenere a mente per limitare la sudorazione causata dagli indumenti. In generale vanno evitati i vestiti eccessivamente aderenti o costituiti da fibre sintetiche.

E se questi rimedi non funzionano?C’è la ionoforesi, la terapia elettromedicale che può tenere l’iperidrosi sotto controllo

“Le terapie precedenti (a base di pomate, ecc.) sono state poco o affatto efficaci e mi hanno permesso di ottenere solo un sollievo di breve durata; sono state poco gradevoli da usare (devono rimanere in sede per diverse ore), dovevo applicarle quotidianamente e mi provocavano fastidiose manifestazioni irritative, fino a quando non ho provato la ionoforesi che ha cambiato la mia vita”.

ManuelaPaziente di Fisionoleggio

Il trattamento con ionoforesi: come funziona

La ionoforesi consiste nel passaggio di una corrente elettrica continua sui palmi delle mani, piante dei piedi e sulle ascelle in modo da ostacolare il flusso e la secrezione di sudore. Nello specifico, la corrente elettrica a bassa tensione attraverso l’acqua provoca la coagulazione di una proteina cutanea, blocca l’attività dei dotti sudoripari e normalizza la sudorazione nell’area cutanea trattata senza danneggiare le ghiandole sudoripare.

Noleggia il macchinario per la ionoforesi: potrai usarlo direttamente a casa tua!

Grazie al macchinario per la ionoforesi potrai trattare in modo efficace la sudorazione eccessiva: è un trattamento sicuro e molto efficace, con una percentuale di successo che si aggira intorno all’85%.

Condividi questo post sui tuoi canali social
Facebook
WhatsApp

Ti potrebbe interessare anche ...